Hai mai fatto degli esperimenti sui video che carichi sul tuo canale YouTube, per vedere cosa succede se ad esempio cambi la miniatura personalizzata, qualche riga nella descrizione o magari il titolo? Se hai risposto no, sei in buona compagnia. Direi che il 99% dei creatori e proprietari di canali una volta caricato ed ottimizzato un video, se ne dimenticano passando al prossimo. Ed è comprensibile, perché comunque di lavoro ce n’è da fare per poter mantenere una buona cadenza di pubblicazione.

Però una delle basi del marketing, specie il Direct marketing (marketing a risposta diretta) è la conduzione regolare di A/B test, detti anche split test, nei quali alcuni elementi di un pezzo di copy o elementi grafici vengono leggermente modificati tra due versioni le quali poi vengono a loro volta testate fra di loro per controllare quale delle due produce un risultato in maggior quantità.

Nelle lettere di vendita spesso si testa una headline o subheadline contro un altra. Oppure, se parliamo di siti web, un colore di un bottone per l’acquisto ad esempio viene testato con una versione leggermente diversa. Spesso i risultati possono rivelarsi sorprendenti e spiazzare anche chi crea in prima persona questi test.

Perché allora non fare questo tipo di test sui nostri video su YouTube? La risposta è scontata: il tempo. Richiederebbe infatti un sacco di tempo, perché ad esempio modificando un titolo dovremmo poi monitorare come cambia il numero di visualizzazioni, l’engagement, il numero di commenti ricevuti, gli iscritti ecc. Insomma, un tipo di lavoro che scoraggerebbe anche il più fanatico dei test.

Per fortuna Tubebuddy ci viene in aiuto un altra volta. Nel piano Legend infatti è incluso uno strumento molto comodo per condurre split test. Vediamo come funziona.

Molto semplicemente dovrai scegliere su quale video testare alcune piccole variazioni. Seguendo poi l’interfaccia che Tubebuddy ti mette a disposizione, potrai variare il titolo, la descrizione, la miniatura personalizzata, i tags e altre cose. Insomma tutti i fattori determinanti nel successo del tuo video.

Una volta impostato l’intervallo temporale, ad esempio 30 giorni, Tubebuddy in automatico condurrà il test mostrando al pubblico le due versioni. Finito il ciclo di test, ti darà i risultati. La cosa bella è che l’interfaccia nella quale vedrai questi risultati è veramente ben fatta e molto intuitiva da capire. In pochi istanti avrai una chiara idea di quale versione è migliore.

Tubebuddy A/B test

La tentazione potrebbe essere quella di cambiare ogni cosa o quasi tra le due versioni. In realtà questo approccio potrebbe risultare essere fuorviante, perché non capiresti quale elemento ha portato il maggior risultato. Potrebbe essere stato il titolo, oppure la miniatura o ancora i TAG.

Il mio consiglio è quello di testare solo un elemento alla volta, far andare il test per almeno 30 giorni, e solo in seguito prendere una decisione. Una volta trovata la giusta versione, potrai testarla ancora una volta modificando un altro elemento.