Una delle cose che ho notato lavorando con vari clienti nel corso degli anni è che non è facile rimanere naturali e rilassati durante le riprese. Ed è normale: stare davanti ad una videocamera è un pò come parlare in pubblico. Anche se sappiamo a memoria gli argomenti e se siamo molto sicuri di ciò che vogliamo comunicare, un pò di ansia può farsi sentire potenzialmente rovinando il video.

Il mio modo di lavorare aiuta molto i professionisti e gli imprenditori che sono alle prime armi davanti ad un obiettivo, tuttavia spesso non basta e mi vengono fatte domande relative al come gestire il linguaggio non verbale, ossia il linguaggio corporeo.

La domanda che probabilmente mi viene posta più spesso è: dove metto le mani? Nel senso, come devo gesticolare per cercare di dare l’impressione di essere naturale e non costruito. La cosa è un po’ curiosa, visto che quando conversiamo con amici, conoscenti o anche con clienti non ci poniamo questo problema. Da bravi italiani sappiamo perfettamente ed inconsciamente come gesticolare per convogliare ancora meglio il messaggio.

Ma tutto svanisce quando inizia la ripresa di un video. E’ come se tutto ciò che sappiamo fare e facciamo da una vita senza pensarci svanisse in un istante.

Perciò per aiutarti in questo ho chiesto a Lorenza Bodini, insegnante di Inglese che vanta anche una grande esperienza nel mondo teatrale di aiutarmi ad affrontare l’argomento. Vediamo quindi cosa fare e soprattutto cosa NON fare con le nostre mani durante le riprese dei video.

COSA EVITARE

Ci sono alcune posizioni per le mani che dobbiamo evitare, per non lanciare ai nostri spettatori il messaggio di nervosismo e di poca professionalità.

La prima è quella che Lorenza chiama la posizione ‘pipì‘. Il nome suggerisce tutto, ma nel caso ti fosse rimasto il dubbio, in pratica consiste nel mettere le mani davanti al corpo in basso incrociandole quasi come se stessimo cercando di trattenere lo stimolo impellente di urinare.

Questa posizione rappresenta un problema non solo perché è poco naturale e professionale, specialmente se protratta per lungo tempo durante il video, ma anche perché a livello corporeo ci porta a chiudere le spalle con conseguente abbassamento del tono di voce e di vitalità in generale. E questo dobbiamo assolutamente evitarlo se non vogliamo che il pubblico si addormenti.

Un’altra posizione da evitare è quella che Lorenza chiama del ‘generale‘. Probabilmente ti sei fatto un immagine mentale a riguardo. Mani sui fianchi a livello della vita, gomiti in fuori, tradisce una falsa spavalderia che in realtà agli occhi di chi guarda si trasforma velocemente in arroganza. Quindi da evitare anche questa.

L’ultima di cui Lorenza ci parla in questo video è quella detta di ‘Fonzie‘. Se hai visto Happy Days sai a cosa si riferisce. Questo famosissimo personaggio interpretato da Henry Winkler era solito stare con le mani in tasca mentre parlava. Purtroppo alcuni hanno preso questo esempio ed utilizzano questo modo di tenere le mani durante le riprese dei video.

Purtroppo non è molto professionale perché trasmette fin troppa scioltezza e naturalezza. Insomma è troppo dall’altro alto rispetto al rimanere impalati con le mani sui fianchi. Ce ne sono altre di posizioni che non andrebbero mai usate, ma queste sono probabilmente nella top 3 di quelle meno consigliate e più gettonate purtroppo. Vediamo quindi cosa fare.

COME GESTIRE LE MANI

Cosa dobbiamo fare quindi? Innanzitutto rilassarci prima del video. Un paio di take senza registrare possono aiutrarti ad entrare nel giusto mood senza avere l’ansia della registrazione. Quando ti senti soddisfatto e sei pronto a partire con la registrazione vera e propria, ecco alcuni consigli.

Investi alcuni minuti per trovare una tua posizione di ‘riposo‘. Con questa intendiamo una posizione in cui sei rilassato, ma non troppo. Saprai di averla trovata quando non ti peserà il fatto di mantenerla anche per svariati secondi, non dovrai più pensare perché sarai a tuo agio e ti farà sentire energico durante le riprese.

Non è facile dare un suggerimento specifico perché ognuno ne trova una tutta sua, ma generalmente potrebbe assomigliare ad una posizione con le mani lungo i fianchi ma rilassate, oppure con le mani sul davanti una dentro l’altra.

Fatto questo, puoi aiutare la tua esposizione gesticolando in modo non troppo intenso, ma solo quando te lo senti e quando devi sottolineare vari punti chiave nel video. Ad ogni movimento delle mani, o quasi, ritorna alla posizione di riposo che come detto devi aver trovato prima.

Se provi a fare questo ti accorgerai che il video sarà la rappresentazione esattamente di come conversiamo nella vita di tutti i giorni. Da una posizione di riposo in cui siamo comodi e a nostro agio gesticoliamo quando inconsciamente sentiamo il bisogno di sottolineare un punto e rafforzarlo. Torniamo poi alla posizione di riposo, gesticolando di nuovo quando abbiamo altri punti da rafforzare. E così via, fino alla fine della conversazione.

Questa è la base di come possiamo iniziare ad usare le mani durante i video e a come gestirle. Ovviamente ci sono tecniche un pò più avanzate e raffinate, ma prima bisogna assolutamente aver appreso ed imparato ad applicare le basi.